Comune di Fiorenzuola d'Arda

Cerca nel sito con Google

Loading

Operatori settore alimentare

Procedure per la registrazione delle attivita e il riconoscimento degli stabilimenti del settore alimentare e dei sottoprodotti di origine animale

Con la delibera di Giunta Regionale n. 1015 del 07 luglio 2008 e successiva determinazione dirigenziale n. 009223 del 01 agosto 2008 la Regione Emilia Romagna ha modificato le procedure per il riconoscimento e registrazione delle imprese e/o strutture alimentari sul territorio regionale, con l'obiettivo di semplificare l'iter amministrativo e ridefinire gli ambiti di competenza.

In sintesi viene assegnata in capo alle Aziende USL (Dipartimento di Sanità Pubblica) la titolarità dei procedimenti amministrativi concernenti la registrazione e il riconoscimento delle attività del settore alimentare e degli stabilimenti e strutture di cui al Regolamento CE 1774/2002, nonchè i connessi procedimenti amministrativi rientranti nell'ambito delle attività del controllo ufficiale.

Inoltre i procedimenti di D.I.A (Dichiarazione Inizio Attività) semplice e differita sono stati sostituiti dalla notifica che permette, per le attività soggette alla sola registrazione, di avviare immediatamente l'attività produttiva.

Attività esistenti

Le attività già in possesso di Autorizzazione sanitaria o Nulla osta sanitario o di una Registrazione ai sensi di una specifica normativa di settore, non hanno la necessità di effettuare una ulteriore notifica ai fini della registrazione prevista dal Regolamento n. 852/2004.

Dovrà essere presentata una apposta comunicazione per modifiche strutturali o di tipologia di attività esercitata.

Moadlità applicative della registrazione per l'inizio di nuove attività o per le modifiche sostanziali (strutturali o di tipologia) di attività esistenti

La registrazione deve essere effettuata dal titolare dell'impresa alimentare (bar, ristorante, deposito di generi alimentari, panificio, supermercato, negozio d vicinato, laboratorio di produzione, gelateria, rosticceria, macelleria, pescheria, ecc.) mediante presentazione di NOTIFICA attestante il possesso dei requisiti generali e specifici richiesti in relazione all'attività svolta dalla normativa comunitaria, corredata dai documenti richiesti nei moduli all'uopo predisposti (modello A1).

Con la presentazione della notifica - di cui l'operatore del settore alimentare deve conservare ricevuta si attiva la procedura relativa alla registrazione delle informazioni atte a costituire l'anagrafe delle imprese/stabilimenti/strutture/veicoli interessati.

La registrazione non è soggetta a rinnovo.

Adempimenti dell'operatore del settore alimentare

Ogni operatore del settore alimentare notifica, tramite presentazione del modello A1, al DSP dell'Azienda USL dove ha sede operativa l'attività (per le attività svolte in sede fissa) o della Azienda USL dove ha la residenza il titolare della ditta individuale o ha sede legale la società per le altre attività (es. sede non fissa: ambulanti, mezzi di trasporto, ecc), ciascun stabilimento/struttura/veicolo posto sotto il proprio controllo che esegua una qualsiasi delle fasi di produzione, trasformazione, somministrazione, distribuzione e trasporto.

L'operatore del settore alimentare che intende apportare aggiornamenti di lay-out impiantistici o effettuare nuove produzioni, similari alla tipologia già registrata, o sostanziali modifiche strutturali e/o di tipologia produttiva, deve presentare una comunicazione corredata da una relazione tecnica e da nuova pianta planimetrica con evidenziate le modifiche apportate e la disposizione delle attrezzature (lay-out).

L'operatore del settore alimentare deve altresì comunicare al DSP dell'Azienda USL di competenza la cessazione temporanea e/o la chiusura di attività soggette a registrazione.

La cessione di azienda deve essere comunicata dal nuovo titolare.

In tale ultimo caso (cambio di gestione a seguito di cessione d'azienda o di quote societarie della stessa), qualora non vengano apportate modifiche strutturali o produttive o di attrezzatura, trattandosi di attività già registrata, non è richiesta la presentazione della documentazione tecnica già in possesso dell'autorità di controllo

Documenti da allegare alla notifica

  • Fotocopia di un documento di identità in corso di validità di chi sottoscrive il modello nel caso di invio per posta o con altri sistemi
  • Per i cittadini extracomunitari: fotocopia permesso o carta di soggiorno
  • Relazione tecnica firmata dall'interessato descrittiva degli impianti e del ciclo di lavorazione, con indicazioni in merito all'approvvigionamento idrico (compresa l'eventuale presenza di dispositivi di trattamento dell'acqua potabile), allo smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi e alle emissioni in atmosfera in riferimento all'allegato del reg. 852/2004 e con i dati richiesti al quadro 3 voce trasporto per ogni unità mobile. La relazione tecnica dovrà essere particolarmente dettagliata per le attività con carattere industriale. Per le aziende di produzione primaria che non effettuano trasformazione o che non allevano animali destinati alla produzione di alimenti e per gli esercizi commerciali di vendita al minuto è sufficiente l'elenco sintetico delle produzioni e dei generi alimentari posti in commercio.
  • Planimetria quotata dei locali in scala almeno 1:100, corrispondente allo stato legittimo, firmata dall'interessato, dalla quale risulti evidente la destinazione d'uso dei locali, la disposizione delle linee di produzione, dei servizi igienici, della rete idrica e degli scarichi, la disposizione delle attrezzature (layout).
  • La piantina planimetrica non è richiesta per le aziende di produzione primaria che non effettuano trasformazione (fatte salve specifiche indicazioni regionali di settore).

Normativa

Regolamenti CE 852/2004 e 853/2004 del Parlamento Europeo

Delibera di Giunta Regione Emilia Romagna n. 1015/2008

Modulistica